Work life balance tra limiti istituzionali e pratiche innovative

  • Giovanna Campanella Università degli Studi Guglielmo Marconi
  • Luisa De Vita Università Sapienza

Abstract

Come rispondono le politiche di conciliazione cura-lavoro alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori di nuova generazione: sempre più precari, poveri e instabili dal punto di vista reddituale e/o professionale? Con un sostanziale immobilismo politico.  Questo è il quadro che viene fuori da una rassegna delle principali politiche sociali italiane volte a supporto della genitorialità e alla garanzia dell’occupazione femminile. Il contributo mette in luce i limiti di tali politiche e coglie gli aspetti innovativi di pratiche che si sviluppano dal basso.  Al contempo, una riflessione al margine lascia aperta una importante questione sul rapporto tra flessibilità e conciliazione, ovvero tra organizzazione del lavoro e tempi di cura per la famiglia. Nell’era della rivoluzione digitale,  individuamo forti resistenze al cambiamento, sia da parte delle istituzioni, ma anche e soprattutto dal mondo produttivo, che vanta si modelli “agili” di forme di lavoro da un punto di vista formale (vedi il lavoro agile/ smart working) ma che dal punto di vista sostanziale rimane radicato a modelli di contrattazione standar che non agevola né la condizioine lavorativa da un punto di vista di tutele né la conciliaizone cura lavoro e quindi l’occupazione femminile.

Published
2017-12-28
How to Cite
CAMPANELLA, Giovanna; DE VITA, Luisa. Work life balance tra limiti istituzionali e pratiche innovative. DigitCult - Scientific Journal on Digital Cultures, [S.l.], v. 2, n. 3, p. 35-48, dec. 2017. ISSN 2531-5994. Available at: <http://www.digitcult.it/index.php/dc/article/view/48>. Date accessed: 18 jan. 2018. doi: https://doi.org/10.4399/97888255099085.
Section
Articles